A tragica lotta per u titulu chì hà cambiatu a pugilata

Questa stampa senza data mostra u difensu pugilatu di a Corea di u Sud Kim Duk-Koo in casa soia in Seoul prima di a so partenza per Las Vegas per un scontru cù u campione mundiale di pesu leggeru, Ray Boom Boom Mancini in u 1982. Kim hè mortu dopu esse tombatu in u scontru di u tìtulu. AFP / DONG-A ILBO

SEOUL - Trenta anni fà stu mese, u pugile sudcoreanu Kim Duk-Koo hà intrutu in un anellu di Las Vegas per un scontru di campiunatu mundiale chì finisceria cù a so morte, scatenà almenu un suicidiu è cambierà u sport per sempre.



Per una generazione di sudcoreani, milioni di i quali anu vistu in diretta à a televisione, a lotta trà Kim è u campione di u mondu ligere, Ray Boom Boom Mancini, ferma un ricordu putente.



Avà un novu libru è documentariu chì l'accumpagna chì coincidenu cù u 30esimu anniversariu speranu di fà una luce nova nantu à a lotta, e so conseguenze tragiche è l'impattu chì hà avutu nantu à a vita è e famiglie di i so dui protagonisti.

Per Kim, allora 23 anni è lotta per a prima volta in i Stati Uniti, u sfarente di u Palazzu di Cesare cù u so publicu di celebrità cumpresi quelli di Frank Sinatra, era un universu diversu da a so educazione povera in Corea. Pacquiao hà un vantaghju 'mentale' vs Spence, dice Hopkins Barty finisce a longa attesa di l'Australia per u titulu di Wimbledon I partenarii sparring impressiunati cù Pacquiao «acutu»



M'arricordu chì quandu simu sbarcati in Las Vegas per a lotta, u so allenatore, Kim Yoon-Gu, avà 56 anni, hà ricurdatu.

A cità era tutta illuminata di notte. Era cum'è sbarcà nantu à un giardinu di fiori in u desertu. Ùn aviamu mai vistu nunda di simile, hà dettu à l'Agence France-Presse à a palestra di boxe ch'ellu dirige in Seoul.

I cummentatori di boxe americani avianu scrittu à pocu pressu Kim Duk-Koo prima di u scontru di u 13 di nuvembre di u 1982 cù Mancini, un putente ghjovanu di 21 anni di Youngstown, Ohio chì face a so seconda difesa di u titulu mundiale.



Ma Kim era fiduciosu. Nanzu di lascià Seoul hà avutu un rigalu di falignami in un burlone simulacru chì hà dettu ch'ellu averia da rende Mancini dopu a lotta.

Inimpressu di tale bravura, u so furmatore u stompò in pezzi chì dopu piattò sottu à l'anellu in u campu di furmazione di Kim.

Una lotta brutale

A lotta quandu hè ghjunta hè stata particularmente brutale.

Durante 13 giri, i dui omi sò andati da pedi à pedi in una partita slugging chì si n'hè andata tramindui cù u visu mal gonfiu è luttendu per vede à traversu l'ochji macchiati, gonfiati.

À a fine di u 13, Kim Yoon-Gu hà pruvatu à alzà u so cumbattante, dicenduli chì Mancini era esauritu è ​​li esortava à fà un ultimu sforzu per finì lu.

Marian rivera è dingdong dantes ultimu nutizie

Strinse i denti, annuì è disse «Iè, faraghju què». È basta. Hè stata l'ultima cosa ch'ellu hà mai dettu, disse Kim.

À u principiu di u 14, Mancini hà cunnessu cù una diritta diritta chì hà chjappu a testa di Kim è u hà mandatu à cascà nantu à a tela.

U Coreanu hè riesciutu à tirà si da e corde per batte u conte, ma l'arbitru Richard Green hè intervenutu per piantà a lotta.

Kim Yoon-Gu avia avutu cura di u so angulu è hà mancatu u colpu propiu di eliminazione, ma quandu hà vistu à Kim in terra, hà sappiutu subitu chì a lotta era finita.

Era ovviamente feritu, ma à quellu tempu ùn avemu avutu idea chì era cusì grave, hà dettu.

Di ritornu in u so angulu, Kim hè cascatu è hè statu purtatu da l'anellu nantu à una barella à l'uspidale induve hè statu diagnosticatu cun coagulu di sangue in u cervellu è hè statu sottumessu à una chirurgia d'urgenza.

Hè cascatu in un coma da u quale ùn si hè mai recuperatu è quattru ghjorni dopu hè mortu.

In u volu di ritornu in Corea di Sud, un traumatizatu Kim Yoon-Gu si hè chjosu in a toilette è pienghje è pienghje finu à chì sbarcemu.

Pensu à abbandunà tuttu u sport. À a fine, aghju decisu di stà cun ella, ma era un momentu assai, assai difficiule, hà dettu in a so palestra induve e foto è l'affissi di Kim Duk-Koo adornanu i muri.

Suicidiu, depressione è redenzione

E cunsequenze di u scontru di Kim-Mancini sò state di grande portata è tragiche per contu soiu.

Quattru mesi dopu a morte di u figliolu, a mamma addisperata di Kim si hè tombu bevendu una buttiglia di pesticida.

Quattru mesi dopu, l'arbitru Richard Green hà ancu pigliatu a so vita, ancu se ùn ci era nisuna indicazione chì u so suicidiu era ligatu à u risultatu di a lotta per a quale ùn hè mai statu ritenutu in alcun modu responsabile.

Mancini, un devotu cattolicu, hà suppurtatu un periudu longu di depressione è, ancu s'ellu hà cummattutu torna, ùn hè mai statu u listessu pugile.

In tutti i modi evidenti, era perseguitatu, u scrittore spurtivu americanu Mark Kriegel, autore di una nova biografia di Mancini intitulata The Good Son, hà dettu à l'AFP in una intervista telefonica.

Hà ancu superatu. E cumplicazioni per Ray anu più à chì vede cù u fattu chì u restu di u mondu ùn l'hà micca superatu è hà continuatu à aduprà quella lotta cum'è una sorta di puntu di riferimentu per a so vita, hà dettu Kriegel.

U libru di Kriegel, è un documentariu accumpagnatu di u stessu nome, culmina cun una riunione emotiva in ghjugnu di l'annu passatu trà Mancini è a famiglia di Kim.

A fidanzata di Kim, Lee Young-Mee, era stata incinta à u mumentu di a lotta per u titulu di u 1982 è sette mesi dopu hà parturitu un figliolu, Kim Jiwan, avà 29.

Mentre era entrevista da Kriegel per u libru, Jiwan avia suggeritu un viaghju in i Stati Uniti per incontrà Mancini.

Cum'ellu era pienu di duveri è obblighi cum'è Ray, ùn avia da ricusà una dumanda di u figliolu di l'omu chì, senza intenzione, hè mortu à e so mani, hà dettu Kriegel.

À a riunione in casa di Mancini, Jiwan hà ricunnisciutu l'odiu ch'ellu hà avutu una volta per u pugile, prima di assolve lu di ogni colpa.

Pensu chì ùn hè micca stata colpa vostra, hà dettu.

tumbà la tumbà u diavulu pò pienghje

U scontru di Kim-Mancini s'hè rivelatu un puntu di partenza in a boxe, scatenendu una seria di cambiamenti maiò in u sport.

I scontri di campiunatu sò stati ridotti da 15 à 12 giri, hè statu introduttu u conte di ottu in piedi è e prove mediche richieste à i pugili prima di una lotta sò state riviste.