Insegnate à l'omi à ùn stuprà

Quandu una donna dice chì hè stata stuprata, una di e prime dumande ch'ella hè stata hè: Chì portavate? Spessu, a dumanda hè posta da l'applicatori di a legge. Ma altre volte vene da a bocca di e persone da quale u sopravvivente di stupru cerca cunsulazione, prutezzione, capiscitura. Pò esse u coniuge, u sposu, o u cumpagnu di u sopravvivente. O parenti è altri membri di a famiglia. A quistione pò esse posta da amichi, cumpagni di travagliu, assistenti suciali, cunsiglieri, capi, è ancu membri di i media.

È sempre, implicitu in a dumanda hè un corollariu: Avete fattu qualcosa per pruvucà u stupru? Avete tentatu u stupratore mandendu segnali chì vulete u sessu?



Per cuntrastà u mitu prevalente chì i vestiti pruvucatori incitanu à stupru, mostre sò state messe in scena in i Stati Uniti è in Europa intornu à u tema Chì portavate? L'esibizioni presentanu articuli di vestiti riplicati simili à quelli purtati da e vittime d'aggressione sessuale, cun brevi racconti di ciò chì hè accadutu prima è durante u stupru.



L'articuli di vestitu ùn sorprendenu micca per esse rivelatori o sexy, ma perchè sembranu cusì ordinari è banali. Includenu pigiama, tuta sportiva, ancu a maglia My Little Pony di un zitellu. In una mostra, ci hè un bikini neru chì a vittima hà purtatu mentre natava cù l'amichi. Hè stata violata dopu avè intrutu in una tenda per cambià. In effetti, e donne sò state stuprate ancu in i vistimenti i più dissimulanti: l'abitudine di una suora, una burqa chì copre u portatore da u capu à i pedi cù u so visu daretu à un velu, un uniforme sculare, è ancu un vestitu di guardianu di prigiò. Sindaco Isko: Tuttu da guadagnà, tuttu da perde Compagni di lettu strangulati? Ciò chì malattia l'educazione filippina

Cum'è un organizatore di mostra hà spiegatu, anu decisu di muntà i display per creà una risposta tangibile à unu di i nostri miti più diffusi di a cultura di stupru, perchè a credenza chì u vestitu o ciò chì qualcunu purtava 'causa' stupru hè estremamente dannosu per i sopravvissuti.



Cusì vene cum'è un scossa, ancu un scandalu, chì decine d'anni dopu u muvimentu mundiale di e donne hà fattu batte in a cuscenza publica u fattu chì u stupru ùn hè micca un crimine natu da lussuria o desideriu ma piuttostu da viulenza è duminazione, u dibattitu hè risuscitatu una volta di più in a nostra terra. A discussione publica hè stata instigata da una publicazione in i media suciali da un cumandamentu di a pulizza pruvinciale chì avertì à e zitelle di ùn vèstinu vestiti corti è poi venenu à corre à l'autorità dopu ch'elli sianu abusati o assaltati sessualmente.

U colpu di ritornu immediatu ùn hè vinutu micca da una urganizazione di e donne o da a Cummissione Filippina per e Donne, ma da un studiente di 19 anni in i Stati Uniti chì hè solu a figliola di l'attrice Sharon Cuneta è di u senatore Francis Pangilinan.

Smetta di insegnà à e ragazze cumu si veste? Insegnate à a ghjente à ùn stuprà, Frankie Pangilinan hà twittatu in reazione à u postu FB di a pulizza.



A reazione indignata di Pangilinan hè stata ripresa da u cummentatore radiofonicu Ben Tulfo, unu di i quattru fratelli Tulfo chì anu creatu una persona cumuna mediatica di machismu aggressivu. Indirizzendu Pangilinan cum'è figliola, una forma d'indirizzu riservata à e zitelle è à e donne, Tulfo hà dichjaratu: A vulintà di un violatore o di un criminale sessuale ghjuvanu di fà un crimine serà sempre quì. Tuttu ciò chì anu bisognu hè una occasione, quandu di cummette u crimine. Dopu aghjunse: Donne sexy, attenti à u modu di vestesi! Invitate a bestia.

À chì a ghjovana donna hà tiratu in daretu: a cultura di stupru hè vera è un pruduttu di sta linea di pensamentu precisa, induve u cumpurtamentu hè nurmalizatu in particulare da l'omi. Vultendu à a condescendenza cù a quale Tulfo s'hè indirizzata à ella, hà dettu: Chjamami figliola ùn minurà micca u mo puntu, poi hà cambiatu u so nome in Twitter in figlia, chì hà prestu generatu l'hashtag '>

Ma hè precisamente l'affirmazione di Tulfo, chì ci hè una bestia o stupratore nascosta in ogni omu, aduprata sia cum'è una scusa per l'inclinazione di l'omi per a violenza sessuale sia per una minaccia silenziosa per e donne per guardà ciò chì dicenu, induve vanu, è ciò chì usure-o risicheghja di scatenà a bestia.

Pangilinan ùn ne avia nunda. U modu in cui una persona si veste ùn deve esse cunsideratu cum'è 'opportunità' per assaltallu sessualmente. Sempre, hà dichjaratu. È in un altru tweet: Ultime nutizie: u mo vestitu ùn hè micca u mo accunsentu.

Bully per Pangilinan è a tribù #HijaAko per a scola Tulfo. Hè 2020, è passatu u tempu passatu per chjamà, annullà, è alzassi contr'à a vittima rotula-incolpazione di e donne. Hijas è hijos di u mondu evoluzione chì rifiutanu di vittimizà ulteriormente i sopravvissuti à stupru è assaltu: Continuate à martellà u restu di i trogloditi misogini in furia, in particulare quelli privilegiati cù megafoni o pulpiti di bully, finu à chì u so penseru mischinu è periculosu sia banditu per bene.