A Malesia hà da caccià 3000 porchi dopu a scuperta di a peste suina africana

KUALA LUMPUR-A Malesia prevede di cullà 3,000 porchi salvatichi è domestici dopu à un focu di peste suina africana (ASF) in porchi di cinghiale è di cortile in u statu di Sabah in l'isula di Borneo à a mità di ferraghju.

A malattia hè stata rilevata in almenu 300 porci in trè distretti - Pitas, Kota Marudu è Beluran - dopu à un casu segnalatu chì implicava a morte di un cinghiale u mese scorsu, secondu una alerta di l'Organizazione Mondiale per a Sanità Animale emessa venneri. Questa era a prima scuperta di a malatia in Malesia, l'alerta hà dettu.



Vintidue porchi sò dighjà stati ammazzati in i sforzi per frenà u focu, hà dettu u viceministro di Sabah, Jeffrey Kitingan, in una dichjarazione dumenica.



Si stima chì ci sò circa 2.000 porchi in Pitas è circa un millaiu di porchi barbuti salvatichi in un raghju di 50 km (31 miglia). Tutti questi animali duveranu esse uccisi, hà dettu Kitingan, chì hè ancu u ministru di l'agricultura è di a pesca.

ASF, chì hè fatale per i porchi, ma innocu per l'omu, posa una minaccia per l'azzioni alimentari.



A Cina, u più grande pruduttore mundiale di porcu, hà ripurtatu e varianti nove di ASF a settimana scorsa, mutazioni naturali in u virus chì hà arruvinatu a banda di porchi di a China durante u 2018 è u 2019 è chì cuntinueghja à tumbà i porchi.